Home PCTO ASL: LA LEZIONE DI “ANDESIGN” SPUNTO DI RIFLESSIONE PER IL NOSTRO LICEO

ASL: LA LEZIONE DI “ANDESIGN” SPUNTO DI RIFLESSIONE PER IL NOSTRO LICEO

2294
0

“Nella nostra scuola, cosa riqualifichereste? E in che modo?”

Di C. Pondurno e M. G. Coppola

Lo scorso 14 Novembre, gli studenti frequentanti il quarto anno e iscritti alla Curvatura di Ingegneria e Architettura hanno partecipato al Progetto “Anti-Design” tenutosi presso l’Abbazia di San Lorenzo e organizzato dal Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”. Il Progetto si occupa di riqualificare gli spazi abbandonati e inutilizzati al fine di migliorare e rendere gli ambienti più accoglienti, partendo proprio dalle idee dei ragazzi. I nostri studenti sono stati accompagnati dai due docenti responsabili della Curvatura, Luca Ferri e Maria Claudia Caianiello, i quali ci hanno parlato dell’incontro: “Gli studenti della Vanvitelli hanno ripulito e livellato un parcheggio inutilizzato – racconta la Prof.ssa Maria Claudia Caianiello – con le loro mani e con l’ausilio di professori di agronomia e contadini sono riusciti a realizzare un orto di lattuga a tutti gli effetti con addirittura un angolo dedicato ad un frutteto”. Il Dipartimento dell’Università si sta impegnando per coinvolgere anche gli studenti degli istituti superiori al fine di rendere gli spazi delle nostre scuole più vivibili e accoglienti, soprattutto in un liceo come il nostro dove di spazi ce ne sono più che in abbondanza. Abbiamo poi avuto l’occasione di sentire l’opinione del Prof. Luca Ferri: “Non è la prima volta che abbiamo contatti con il Dipartimento di architettura della Luigi Vanvitelli, questo è già il secondo anno. Sono tantissimi, infatti, gli alunni del nostro Istituto che prevedono di iscriversi ad una facoltà di architettura in un futuro non lontano”. Progetti come questo non sono altro che validi orientamenti che permettono loro di conoscere questa realtà prima ancora di cominciare a viverla. Abbiamo ascoltato anche i pareri di alcuni dei nostri studenti che ci hanno raccontato cosa ne pensano di questa iniziativa che sembra essere davvero assai valida: “Idea interessantissima – dice Dario Buffardi, studente di 4ªF – potrebbe portare grandi miglioramenti alla nostra scuola, soprattutto a lungo termine”. Francesca Della Gatta, 4ªF, invece esprime una giusta perplessità: “Il progetto sembra coinvolgente ma sicuramente non facile da realizzare”. Le riflessioni e i pareri ascoltati dagli studenti ci inducono a pensare che la nostra scuola, dotata di un immenso cortile inutilizzato, sarebbe l’ideale per le lezioni en plein air oltre ad essere uno spazio di aggregazione; quest’idea non solo riqualificherebbe uno posto inattivo ma motiverebbe ulteriormente gli studenti allo studio poiché non sarebbero costretti a trascorrere sei lunghe ore dietro un banco. Questo Progetto potrebbe portare grandi innovazioni alla nostra piccola ma compatta realtà scolastica se solo ognuno di noi facesse la propria parte. Facciamo dunque appello ai professori coinvolti e a voi studenti: nella nostra scuola, cosa riqualifichereste? E  in che modo?