Home PCTO DAI BANCHI DI SCUOLA AI MACCHINARI DEI LABORATORI

DAI BANCHI DI SCUOLA AI MACCHINARI DEI LABORATORI

1926
0

I ragazzi del Liceo Fermi sperimentano la fisica con le proprie mani                                                                                                               Di C. Pondurno e M. G. Coppola

Lo scorso venerdì 2 Marzo, i ragazzi delle classi 3ªM e 3ªCs, iscritti al percorso di Scienze Della Vita dell’Alternanza Scuola-Lavoro, hanno partecipato al primo incontro del “Laboratorio di Fisica 1: Scienziati in classe” tenutosi alla facoltà di Fisica dell’Università di Caserta “Luigi Vanvitelli”. Accompagnati dal prof. Paolo Del Villano, docente di fisica nel nostro Istituto, gli studenti sono stati accolti dal professore Raffaele Buonpane. Il percorso laboratoriale prevede complessivamente otto appuntamenti: al primo, incentrato sull’uso degli errori di misura nella fisica, seguiranno altri incontri durante i quali i ragazzi avranno la possibilità di mettere in pratica le conoscenze, apprese a scuola, relative all’utilizzo della strumentazione laboratoriale. “La ritengo un’esperienza molto positiva – racconta Maria Di Sarno, studentessa della 3ªCspresente lo scorso venerdì– perché molte volte a scuola non abbiamo il tempo di andare in laboratorio.” Dello stesso parere è Francesco Ceneri, alunno della classe 3ªM, il quale aggiunge –  Svolgere un problema di fisica con gli strumenti che vediamo sui libri di scuola non è una cosa da tutti i giorni”. Questa procedura rende l’esperienza più coinvolgente e affascinante: fa appassionare alla fisica, se già si è interessati alla disciplina, ed invoglia a studiarla, in caso contrario. È inoltre di fondamentale importanza avere un riscontro pratico delle nozioni teoriche apprese, in quanto ciò consente ai ragazzi di capire se il percorso di studi scelto è adatto alle loro attitudini e soddisfa le loro aspettative. Si spera in altri progetti e percorsi come questo, che possano aiutare gli studenti a fugare i dubbi sul loro futuro e abbattere i muri di confine delle loro conoscenze per poter, con determinazione e sicurezza, varcare la soglia del mondo che li attende terminato il percorso liceale.