Home Progetti FINALE DI GEOMETRIKO: IMPARARE LA GEOMETRIA NON È POI COSÌ NOIOSO

FINALE DI GEOMETRIKO: IMPARARE LA GEOMETRIA NON È POI COSÌ NOIOSO

1833
14

Due ragazzi del Fermi, nel mese di Aprile, hanno preso parte alle finali nazionali di Geometriko

Di M. Mangiacrapa, C. Sarmiento e I. Quagliariello

Questo è il secondo anno che il Liceo Fermi offre ai propri studenti la possibilità di partecipare alle gare di Geometriko. Si tratta di un modello ludo-didattico trasversale che ha come scopo lo sviluppo e il potenziamento della cognizione geometrica. È un gioco innovativo e coinvolgente, che mira ad avvicinare i ragazzi alla Geometria in modo diverso. Il gioco è stato concepito dal Professore Leonardo Tortorelli, docente di Matematica e Fisica presso il Liceo Scientifico Leonardo da Vinci di Maglie, provincia di Lecce, ed è diviso in quattro categorie. La prima, G1, è riservata agli studenti delle scuole elementari; la seconda, G2, è riservata agli studenti delle scuole medie; la terza, G3, è indirizzata agli studenti degli istituti professionali; l’ultima, G4, è per gli studenti del liceo scientifico. Geometriko è basato sulla Teoria Gerarchica dei Quadrilateri ed è stato pensato con l’obiettivo di sfruttare il canale ludico per stimolare, divertendosi, l’acquisizione e il consolidamento di attività metacognitive e competenze geometriche. L’iniziativa si pone come attività sia di svago e intrattenimento che di brain-training mediante l’allenamento e il potenziamento delle abilità visuo-spaziali. Fin dalla sua nascita nel 2014, Geometriko ha avuto un riscontro del tutto positivo tra docenti e studenti. A confermarlo è Maria Rosaria Sarnelli, docente di Matematica al Fermi, la quale afferma: “Credo molto in Geometriko perché credo che la curiosità e la passione siano un motore importantissimo per l’apprendimento, la noia invece è un nemico insidioso. Geometriko è uno strumento didattico che attraverso il gioco coinvolge e crea il giusto clima competitivo. I ragazzi devono conoscere bene i quadrilateri, definizioni e proprietà, e si sfidano a suon di problemi e dimostrazioni. Insomma, per vincere servono strategia, conoscenze, abilità e un pizzico di fortuna. Inoltre Geometriko è un gioco inclusivo, tutti possono giocare, anche i ragazzi più spaventati dalla geometria o dalla matematica più in generale. C’è da aggiungere che è ormai uno dei giochi della Bocconi. Insomma, ludendo docere.” Geometriko è ben presto diventato un vero e proprio torneo a livello regionale e nazionale. Le finali nazionali di Geometriko 2018 si sono tenute a Gallipoli il 27 e 28 aprile. Tra i 32 studenti presenti vi erano Maria Teresa Cranegli, II N, e Nicola Grandioso, II O. Entrambi i ragazzi, dopo aver vinto il torneo di classe e in seguito essersi classificati tra i primi quattro al torneo d’Istituto, si sono messi in gioco fuori sede, alle regionali tenute a Villaricca, alle quali Maria Teresa si è classificata seconda. I due ragazzi hanno poi partecipato alle gare nazionali, ricordate con molto entusiasmo da Nicola Grandioso: “L’esperienza è stata fantastica, è stato già bello arrivare alla finale regionale, ma le semifinali nazionali sono state magnifiche. La tensione era alta, c’erano 32 persone da tutta Italia, tutte molto “agguerrite”, importante era anche la strategia.” Le semifinali, tenutesi il 27 aprile, sono consistite in un turno di andata e ritorno, turni vinti da Maria Teresa a pari merito con il secondo vincitore del suo tavolo. Il giorno seguente ha quindi avuto accesso alle gare finali, che però, sfortunatamente, non è riuscita a superare. “Purtroppo sono arrivata seconda al mio tavolo e non sono riuscita ad accedere alla finalissima. Ciononostante sono stata contentissima del risultato, rientrando comunque nei primi dieci studenti in Italia. Si è trattata di un’esperienza emozionante considerando anche la bellissima meta, quale Gallipoli.” Insomma, la scuola al giorno d’oggi cerca di motivare sempre di più gli studenti, stimolando la curiosità ad apprendere. La scuola non è fatta solo dalle sei ore di lezione quotidiane, ma anche di divertimento. Geometriko, infatti, insegna proprio questo: si può giocare persino con la geometria!