Home L'editoriale NON BERTI IL CERVELLO BEVENDO !

NON BERTI IL CERVELLO BEVENDO !

1817
0

L’adolescenza è quel periodo della vita dove, pur di essere accettati dal gruppo, si fanno nuove esperienze che non sempre sono sane. Spesso si fa il primo tiro di sigaretta o si inizia a fare uso di alcolici. In particolare l’uso di bevande alcoliche (che spesso si trasforma in abuso) rappresenta un grave problema per la salute dei ragazzi. Infatti, sono troppi i giovani di età compresa tra i 15 e 24 anni che muoiono a causa dell’alcol. Questa problematica è indice di una noncuranza dei giovani nei confronti dell’alcol che purtroppo non è destinata ad estinguersi e spesso non perdona.  Il 3 aprile ad Alessandria un 14enne è stato infatti ricoverato per coma etilico. Secondo gli ultimi dati dell’Osservatorio Nazione Alcol, i giovani di età compresa tra 11 e 18 anni che bevono, sono quasi un milione e ben il 17% di essi è al di sotto del 14 anni. Sono dunque parecchi gli adolescenti che soffrono di alcolismo. Bisognerebbe agire sulla formazione degli stessi nelle scuole. Questi dati sono davvero preoccupanti per Emanuele Scafato, Direttore dell’Ona intervistato recentemente dal Tg1, il quale scoraggia il consumo di alcolici tra i giovani in quanto essi non hanno la capacità di metabolizzare tali bevande. Il dottore continua affermando che le ragazze sono ancora più vulnerabili all’uso di questa sostanza tossica che agisce direttamente sul cervello, determinando problemi di memoria e problemi di orientamento. L’esperto conclude incoraggiando soprattutto le scuole ad informare i giovani che spesso sono all’oscuro dagli effetti collaterali degli alcolici e pensano di risolvere i propri “problemi” famigliari e scolastici bevendo. La scuola quindi dovrebbe informare di più i giovani che troppe volte ignorano gli altissimi rischi del consumo abituale di alcol e nonostante il lavoro dell’Osservatorio Permanente sui Giovani, gli effetti di tali bevande è assolutamente trascurato.

 

Andrea Pellegrino