Home Progetti TRED IN ESPLORAZIONE

TRED IN ESPLORAZIONE

244
0

A caccia dei “tesori” della Campania felix

Di Vivian Pedata

Il giorno Mercoledì 19 ottobre i ragazzi frequentanti il primo anno del liceo quadriennale TRED sono stati impegnati in un’interessante uscita sul territorio, che rientra nel novero delle attività programmate per i workshop sulla transizione ecologica. Gli studenti dovranno realizzare un tour virtuale dal titolo “Campania Felix”, su Google Earth, dove rifluiranno anche le foto, i video e le foto 3D dei percorsi esplorati.

Quattro dei ragazzi che frequentano questo nuovo indirizzo sono stati intervistati e di seguito sono state riportate le loro considerazioni sull’esperienza didattica in esterna:

“Non appena siamo arrivati alla Reggia di Caserta anziché osservare i vari monumenti, biblioteche e le stanze siamo stati al Giardino Inglese dove ci siamo totalmente immersi nella natura ed è stato davvero emozionante ascoltare la storia di questi posti meravigliosi che ci hanno permesso di sperimentare il rapporto natura-uomo nella storia. ” Chiara Mozzillo

“È stato molto interessante, per noi che siamo un liceo che si occupa di ecologia, poter visitare i giardini e vedere come fossero stati concepiti e progettati. Osservando ad esempio il Giardino Inglese all’apparenza sembra disordinato, ma in realtà nasce proprio per emulare la spontaneità della natura.” Ciro Lettera

“Dopo aver visitato questa prima tappa e aver visto con i nostri occhi come la natura si interseca con l’amore grazie alla bellezza e al romanticismo che emanavano i giardini e i sentieri, siamo stati a San Leucio dove abbiamo visto come veniva realizzata la seta attraverso macchinari specifici,azionati dall’acqua dell’acquedotto Carolino. Noi del TRED andiamo soprattutto alla ricerca di aziende virtuose sul territorio… ebbene si può dire che già con i Borboni, Caserta abbia conosciuto un opificio virtuosissimo, sia per le condizioni igienico-sanitarie,sia per il fondo di carità, sia in termini di condizioni di lavoro ”  Giulia Di Virgilio

La visita ai giardini della Reggia di Caserta si inserisce a pieno titolo nel percorso del recupero del rapporto uomo-ambiente, all’insegna dell’ecosostenibilità e della biodiversità. La Dottoressa Tiziana Maffei, che è il nuovo direttore della Reggia di Caserta, ha infatti impresso un profondo rinnovamento alla gestione del Complesso Vanvitelliano, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030.

In quest’ottica rientrano i principi ispiratori della gestio​ne del Museo Verde, custode di un patrimonio storico e artistico, ma anche e soprattutto, vegetale e animale.

Una pianificazione complessa che tiene nella debita considerazione tutti gli esseri viventi, “inquilini e padroni di casa” della Reggia di Caserta, come insetti, avifauna, fauna ittica e mammiferi.

 L’Istituto museale intende rendere i visitatori partecipi e protagonisti di questa nuova progettualità, basata sull’ecosostenibilità e sulla promozione dello sviluppo della biodiversità.