Home Interviste SUPERARE I TEST DI INGRESSO CON I PROFESSIONISTI DEL LICEO FERMI

SUPERARE I TEST DI INGRESSO CON I PROFESSIONISTI DEL LICEO FERMI

2328
13

Incontri formativi, laboratori e simulazioni per preparare gli studenti al mondo universitario

Di I. Riccardo, R. Moccia e V. Sorbo

Lunedì 13 novembre, presso il laboratorio di scienze del Liceo, si è svolta un’attività dedita a preparare gli alunni “più grandi” del nostro Istituto ai prossimi test di ingresso delle facoltà universitarie scientifiche. La Professoressa Giuseppina Tanzillo, docente di scienze naturali presso il nostro Liceo nonché referente del PLS, Piano Lauree Scientifiche, un progetto nazionale di biologia e biotecnologie di Napoli e Caserta triennale, dall’anno 2015 all’anno 2017, ci ha parlato di queste attività che ha svolto negli anni scorsi. Da quest’anno scolastico 2017/2018, infatti, sarà referente la Professoressa Rosa D’Alesio anche lei insegnante di scienze naturali presso il Liceo Fermi. Per saperne di più ci rivolgiamo alla Professoressa Giuseppina Tanzillo la quale, molto disponibile, ci accoglie in un’aula dell’Istituto. ‘‘In cosa consiste quest’inziativa?’’ le chiediamo subito noi della redazione: ‘‘Innanzitutto ci sono stati degli incontri formativi per i docenti – racconta Tanzillo – affinché potessimo seguire al meglio i nostri ragazzi.  Per i ragazzi sono invece state svolte una serie di attività che consistono nella realizzazione di laboratori e di attività didattiche di autovalutazione ovvero simulazioni di test d’ingresso alle facoltà scientifiche e da lezioni di chimica presso le facoltà di biologia e biotecnologia, le quali hanno riscosso un notevole successo.’’ A questo punto le chiediamo lo scopo di questo progetto: ‘‘L’obiettivo principale – continua la professoressa – è sicuramente quello di aumentare quantitativamente e qualitativamente le conoscenze e le competenze biologiche e biotecnologiche degli studenti dell’ultimo triennio del nostro Istituto, mediante un approccio sperimentale; altri obiettivi sono quelli di fornire un’occasione di crescita professionale agli insegnanti, particolarmente utile in un’area disciplinare soggetta a rapidissimi avanzamenti, attraverso la co-progettazione e la realizzazione di attività didattiche; mettere a disposizione degli studenti strumenti di autovalutazione, per consentire loro una scelta più consapevole e mirata del percorso universitario, ridurre gli abbandoni universitari e migliorare le carriere degli studenti, mediante lo sviluppo di moduli didattici innovativi come activelearning e dippedelassroom.” Ci sembra felice di parlare con noi dell’argomento e anche molto spontanea. Le chiediamo dunque se si sente soddisfatta dei risultati ottenuti dalla partecipazione a questo progetto e lei, quasi emozionata, ci risponde: ‘‘L’esperienza fatta con il Piano Lauree Scientifiche è stata sicuramente molto entusiasmante in quanto, come ho già detto, questo progetto  ha ottenuto un notevole successo tra i ragazzi. Molti dei nostri studenti, che hanno partecipato lo scorso anno, hanno raggiunto l’ obiettivo desiderato ossia entrare nelle facoltà scientifiche scelte come ad esempio quelle di biotecnologie, biologie e medicina. Sicuramente anche quest’anno sarà così, per cui sì, sono più che soddisfatta – continua precisando – quest’anno non sarò referente in quanto sono sommersa da altri impegni ma è un esperienza che ripeterei volentieri.” La interrompiamo: ‘‘ Lei consiglierebbe ad altre persone di partecipare a quest’iniziativa?’’ ‘‘Certo – risponde fiera – è un’esperienza per me molto valida e ben strutturata, che consiglio vivamente sia ai docenti per la loro crescita professionale che agli alunni per potenziare le loro conoscenze: è un valido aiuto per superare i test di ammissione alle varie facoltà scientifiche.’’