Home PCTO GLI STUDENTI DEL LICEO FERMI, SPETTATORI DI “FUORIGIOCO, OLTRE LA LINEA DELLE...

GLI STUDENTI DEL LICEO FERMI, SPETTATORI DI “FUORIGIOCO, OLTRE LA LINEA DELLE NOTIZIE”

2356
0

Intervista ai conduttori del programma radiofonico Rai Radio1

Di C. Pondurno e M. G. Coppola

Lo scorso 6 dicembre i ragazzi del Laboratorio di Giornalismo Cross Medial del Liceo Fermi hanno avuto la possibilità di partecipare a “Più Libri Più Liberi”, Fiera della Piccola e Media Editoria tenutasi nella Nuvola di Fuksas, Roma. Una nuvola di cultura, libri, workshop, presentazioni ma uno dei momenti più attesi dagli studenti è stata sicuramente la diretta radiofonica di “Fuorigioco, oltre la linea delle notizie”, programma di Rai Radio1 in onda dalle 15:00 alle 17:00 e condotto da Guido Ardone, John Vignola, Gianluca Santoro e Rosanna Sferrazza. Ogni giorno viene scelto un filo conduttore diverso che abbraccia temi di attualità, musica, politica, cultura e sport. Quello al quale noi, studenti del Fermi, abbiamo avuto l’onore di presenziare era naturalmente, in diretta dal Caffè Letterario Rai della Fiera, incentrato sui libri. Prima dell’inizio della trasmissione siamo riuscite a scambiare due parole con due dei quattro conduttori presenti: Guido Ardone e John Vignola. I due si sono dimostrati subito molto disponibili a rispondere alle nostre curiosità sul programma ed in particolare sulle loro carriere: “Il nostro programma si occupa di trattare argomenti di attualità in una chiave più leggera. – racconta Ardone – Si tratta sicuramente di quelle che sono le notizie del giorno ma che si possono prestare ad un’interpretazione ‘laterale’, che ci permetta di alleggerire il tono.” “Il nostro è un programma che coniuga giornalismo e storie di vita vera. – prosegue Vignola – La scelta dei temi e degli ospiti è collegiale e meditata durante una lunga ed estenuante riunione.” Tutte e quattro le voci hanno avuto un passato da conduttori radiofonici individuali, quindi abbiamo voluto chiedere loro come va il lavoro di team. “Non è facile – dice Ardone – una notizia può essere analizzata da innumerevoli punti di vista ed è per questo che bisogna tener conto delle diverse sensibilità.” “Le nostre differenze arricchiscono il programma – ci racconta Vignola – e lavorare in una squadra è una cosa che tutti noi stiamo imparando.” Dulcis in fundo, abbiamo chiesto loro, curiose, come gestire gli errori della diretta: “È il bello della diretta – conclude Ardone – sbagliare è lecito e gli imprevisti sono all’ordine del giorno.” “La nostra non è una radio costruita a tavolino e gli errori possono capitare. – continua Vignola – Molto raramente inseriamo interviste preregistrate, la veridicità della radio è anche imperfezione.” Dopo aver avuto la fortuna di fare quest’intervista abbiamo assistito al programma. Il filo conduttore della giornata sono stati i libri. Partendo dalla Mafia, con ospite telefonico Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione, si è arrivati a parlare di musica con Amir Issaa, rapper e produttore discografico. Successivamente si è giunti alla politica dove si è inserito nella discussione il Primo Cittadino Napoletano Luigi de Magistris. Si è infine parlato di femminicidio con Valerio Magrelli, poeta e di editori italiani con Renata Gorgani, direttrice della casa editrice Il Castoro. Al termine di questa lunga e faticosa giornata eravamo tutti molto stanchi ma, allo stesso tempo, più che soddisfatti. Ognuno di noi, infatti, indipendentemente dal suo ruolo di spettatore o di “giornalista”, è uscito da quell’edificio con una nuova esperienza di cui raccontare, con un bagaglio culturale decisamente più pesante e con la voglia di fare sempre di più. Pensiamo che quest’esperienza abbia regalato a tutti noi una maggiore motivazione nel perseverare per raggiungere i propri obiettivi e realizzare i propri sogni. Non possiamo non concludere ringraziando Guido Ardone e John Vignola per averci anche fatto i loro complimenti in diretta radiofonica per la nostra curiosità. Noi ringraziamo per la cortesia e pubblicamente li invitiamo qui nella nostra scuola per una lezione speciale di giornalismo!